Inserisci la tua mail e ricevi offerte e promozioni

Acqua calda in abbondanza? Ecco come!

Acqua calda in abbondanza? Ecco come!

Per avere l’acqua calda in barca come a casa è necessario montare a bordo un boiler. Il funzionamento è pressoché identico a quelli di tipo civile, cambia il rivestimento esterno che, oltre a essere altamente coibentante, è particolarmente resistente all’ambiente marino.

I Boiler

Esistono due tipologie di boiler: con scambiatore o tramite resistenza. Nel primo caso l’acqua viene scaldata tramite, appunto, uno scambiatore di calore, nient’altro che una serpentina dentro la quale scorre l’acqua del circuito di raffreddamento del motore. Il liquido raggiunge temperature tra 90 e 120 °C e scalda la serpentina che per irradiazione scalda l’acqua nel serbatoio. Ogni boiler riporta nelle sua scheda tecnica il valore di superficie di scambio della serpentina. Più grande è questa misura, maggiore è l’acqua scaldata nel minor tempo, e allo stesso modo anche la durata dell’acqua calda nel boiler. Per la valutazione delle prestazioni dello scambiatore bisogna considerare le perdite di carico d’acqua indotte dalle dimensioni del tubo e dalle curve costruttive che riducono il flusso di liquido di raffreddamento e quindi le prestazioni del boiler. Il secondo, tramite resistenza elettrica, adopera una serpentina che si scalda elettricamente e scalda l’acqua. In questo caso ciò che fa la differenza è la potenza della resistenza. Un valore medio è di circa 1000 W, e in commercio ne troverete tra 800 e 1200. Valutate la potenza in base alla disponibilità energetica che avete a bordo e di quella che presupponete di trovare in banchina. A volte le colonnine dei porti arrivano a malapena a 1 kW.

Il riscaldamento tramite resistenza, ovviamente è comodo in quanto non è necessario avere il motore acceso per avere l’acqua calda ma basta un generatore o come scritto essere collegati in banchina. Il termostato serve per attivare o meno l’accensione quando la temperatura dell’acqua scende sotto il livello impostato. Una normativa internazionale, in termini di sicurezza, obbliga la presenza di una valvola di sicurezza per permettere lo sfiato del boiler quando la pressione interna diventa eccessiva e pericolosa. Molto utile la valvola di miscelazione, spesso fornita come optional, serve per non far uscire acqua troppo calda dai rubinetti, così da ottimizzare il contenuto del boiler e non scottarsi. Per semplificare l’impianto bisognerebbe posizionare il serbatoio il più vicino possibile al motore. Così facendo il circuito dell’acqua di raffreddamento del motore, che dovrà passare anche per lo scambiatore di calore, sarà ridotto al minimo.

Le precauzioni da prendere

Scegliete bene le tubature, di norma le dimensioni e il tipo sono indicati dal costruttore; in ogni caso devono essere ben resistenti, perché l’acqua del circuito raggiunge facilmente i 90 gradi sollecitando non poco l’impianto. Il boiler di per sé, se usato correttamente e installato a regola d’arte, non richiede interventi di manutenzione continui o impegnativi. L’unico elemento che potrà capitarvi di sostituire è la resistenza elettrica. Di norma l’attacco è posizionato sul lato in cui ci sono tutti i rubinetti. Verificate quindi che questa parte del boiler sia facilmente raggiungibile e che la resistenza si possa estrarre comodamente. Le forme di scaldacqua in commercio possono essere cilindriche, da poco alcune aziende, come la Quick, la Indel Marine o la Ati, realizzano modelli squadrati, a parallelepipedo, per ottimizzare gli spazi in barca. I boiler in commercio hanno due fascette che scorrono lungo il bidone. Se sono fisse, valutate bene lo spazio disponibile nel vano che avete prescelto per il suo alloggio perché se non sono regolabili, non scorrono lungo tutto il boiler, e il montaggio diventa difficoltoso se non impossibile. Per chi naviga nei mari del Nord, le aziende consigliano di svuotare il bidone durante l’invernaggio, perché in caso di temperature molto basse l’acqua all’interno potrebbe ghiacciarsi e sforzare le saldature. Un elemento importante per la manutenzione sia ordinaria che straordinaria di un boiler, è la dimensione dell’attacco della resistenza elettrica e la sua potenza. Le resistenze più diffuse, in qualsiasi negozio anche non di nautica, sono da 1200 W, con l’attacco filettato da 1” e 1/4, misura standard anche per il civile. CERCA QUI GLI ACCESSORI CHE FANNO PER TE 

Boiler inox 16 lt scopri qui

Boiler inox 24 lt scopri qui

Boiler inox 75 lt scopri qui

Deumidificatore completo scopri qui

Dissalatore Shenker scopri qui

Kit condizionatore scopri qui


SAPETE TUTTO SUI TERMINI NAUTICI?

Informati su tutti i termini nautici con il Nuovissimo Dizionario della Nautica, una pubblicazione speciale del Giornale della Vela con tante informazioni utili ed un ricco repertorio fotografico per descrivere gli interventi pratici:
    •    Su Nauticplace.com, e lo riceverete comodamente a casa (16,90 euro + spese postali)
    •    In versione digitale per dispositivi Apple e iOS nell'App del Giornale della Vela
    •    In versione digitale per dispositivi Android nell'App del Giornale della Vela

Leave a Reply

All fields are required

Name:
E-mail: (Not Published)
Comment: